Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.
×

Attenzione

Errore nel caricamento del componente: com_zoocart, Componente non trovato

Proverbi e detti popolari

 

A mparadisu se va cu la carrozza
In paradiso si và con la carrozza

Quannu u ciucciu nu  bbole camina è ‘nutile ca fischi.
Quando l’asino non vuole camminare è inutile insistere

Fenca a quannu li pedi vannu te passa lu malannu
Finchè e quando riesci a camminare cammina, sentirai meno i malanni.

Puru all’infernu, è meju cu vai a cavaddru ca all’ampede.
Anche all’inferno è meglio andara a cavallo che a piedi.

Cavaddru ca fusce nu ttene bisognu de sprunu.
Cavallo che corre non ha bisogno di essere spronato.

A cavaddru datu nu sse varda ‘mmucca.
A caval donato non si guarda in bocca

Quannu lu ciucciu raja de giurnu e già menzadia.
Quando l’asino raglia di giorno è già mezzoggiorno

Ci camina llicca, ci sta ‘ccasa sicca.
Chi cammina riesce a trovare sempre qualcosa, chi invece se ne stà chiuso a casa e non esce mai non raccoglie niente.

Ci llassa a via vecchia pè chira nova sape cci llassa ma nu sape  ci trova
Chi lascia la strada vecchia per la nuova sa cosa lascia ma non sa che cosa trova

Cu nu picca de curaggiu se spiccia ogni viaggiu.
Con un po’ di coraggio si porta a termine ogni cosa.

A superbia sciu a cavaddru e turnò allam’pede.
La superbia partì a cavallo ma tornò a piedi.

Allu cavaddru e alla sciumenta  nchiana susu a spaddra, allu ciucciu e lla ciuccia nchianili anculu.
Sul cavallo e sulla giumenta monta sulla spalla, all’asino e all’asina monta sul sedere.

A mujere la machina e lu cane nu sse prestene mai.
La moglie la macchina e il cane non si danno mai in prestito.

Vunci l’assu ca a rota camina.
Ungi l’asse e vedrai che la ruota cammina

U ciucciu nuce la paja e lu ciucciu se la raja.
L’asino porta la paglia e l’asino se la mangia

Spetta ciucciu meu ca masciu vene.
Aspetta asino mio che Maggio non è lontano

U voi chiama curnutu u ciucciu.
Il bue chiama cornuto l’asino.

Se lu cavaddru nu mancia, nu pòte fatacare.
Se il cavallo no mangia non può lavorare.

Cavaddru castamato, li luce lu pilu.
A cavallo bestemmiato lucida il pelo.

Cu llavi a capu allu ciucciu, perdi acqua lassia e sapune.
A dare spiegazioni all’asino ci perdi solo tempo.

Se u mulu te mina na scarcagnata, nu li poti tajare l’anca.
Se il mulo ti dà calci non puoi tagliarli la gamba.

L’occhiu de lu patrunu, ngrassa u cavaddru.
L’occhio del padrone ingrassa il cavallo

Ttacca u ciucciu arunca vole u patrunu.
Lega l’asino dove vuole il padrone.

N’ura dorme u caddru, doi u cavaddru, tre u navicante, quattro u viandante, cinque a ignoria, sei a poltroneria, sette i cornuti, e ottu i falliti.
Un’ora dorme il gallo, due il cavallo, tre il navigante,quattro il viandante,cinque i signori, sei gli oziosi, sette i cornuti e otto i falliti.

Ci porta a mujere a ogni festinu e mbivara u cavaddru a ogni funtana, a ‘ncapu ll’annu u cavaddru è cchinu e la mujere e puttana.
Chi porta la moglie ad ogni festa e fa abbeverare il cavallo ad ogni fontana, dopo un anno si ritrova con il cavallo gobbo e la moglie puttana.

L’aria du trainu è lu cavaddru, u preggiu da fimmana è lu capiddru.
Il pregio della carrozza è il cavalo quello della donna è il capello.

Cu li sciarpi nu cantare, cu lli zoppi nu camanare.
Con i balbuzienti non cantare con i zoppi non camminare.

Macari cu la mini a varca a mmare, quannu u vientu nu tte va ffavore.
Se il vento non ti è favorevole è inutile buttare la barca in mare.

Stenni u pede pe quant’è longu u passu.
Fai per quanto puoi.

A ci passa e spassa quadaru se llassa.
Chi va e viene lascia la scia.

 
Torna a inizio pagina