Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

Le fave nette

  • Tipo di portata: Piatti tipici
  • Difficoltà:

Prima di iniziare...

Ingredienti

Fave

Olio 

Sale

Preparazione

(Versione dialettale)

Cu se potene cucinare e fave s'annu spaccare a doi, se nettene e poi se mintene intra a pignata cull'acqua annanti lu focu. Quannu le fave su cotte, diventavene comu nu purè; su pronte cu se mancene dopu ca se nsapuriscene cu lu sale e, a ci piace, se miscane cicore o paparussi fritti.

(Versione in italiano)

Fave

Le fave per poter essere mangiate devono essere soprattutto nette, cioè private della buccia. Bisogna però prima spaccarle a metà, quindi sbucciarle, poi si mettono a cuocere in un recipiente di terracotta, la pignata, in un cantuccio del focolare. A cottura ultimata si ha una purea gialla, che insaporita con sale e olio d'oliva si accompagna soprattutto alle verdure.

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.

Torna a inizio pagina